Home Organismi Rcs giù a piazza Affari dopo i conti

Rcs giù a piazza Affari dopo i conti

Condividi

Rcs soffre a Piazza Affari dopo aver comunicato le perdite del primo trimestre della capogruppo e alcuni dettagli dell’aumento di capitale. Il titolo del gruppo editoriale segna una flessione del 3,23% a 0,73 euro, dopo aver toccato un minimo a 0,72 euro. Decisamente elevati i volumi, già oltre la media giornaliera. Il primo trimestre per la capogruppo si è chiuso con una perdita di circa 78 milioni di euro. Inoltre il cda proporrà all’assemblea degli azionisti l’aumento di capitale per un massimo di 500 milioni di euro, di cui 400 milioni attraverso l’emissione di azioni ordinarie e 100 milioni di azioni di risparmio di nuova categoria. Infine Diego Della Valle e la famiglia Benetton, che insieme detengono 13,8% di Rcs, voteranno contro l’aumento di capitale della società.   Fiat e Intesa Sanpaolo, invece, hanno dato disponibilità a impegnarsi sull’aumento di capitale di Rcs oltre la loro quota di pertinenza. Il gruppo torinese, si legge nella nota di Rcs, ha comunicato alla società di voler rilevare da altri soci aderenti al patto, qualora non dovessero esercitarli, diritti per un ulteriore 2,805% del capitale sociale ordinario. Intesa SanPaolo, invece, ha annunciato l’intenzione di acquistare dai soci del patto un quantitativo di diritti il cui acquisto ed esercizio con la conseguente sottoscrizione di nuove azioni Rcs comporti un complessivo esborso non superiore a 10 milioni di euro.