Home Organismi Procure scatenate. Arrestato Angelo Rizzoli per bancarotta

Procure scatenate. Arrestato Angelo Rizzoli per bancarotta

Condividi
Il produttore televisivo e cinematografico Angelo Rizzoli, già editore dell’omonimo gruppo, è stato arrestato oggi dai finanzieri del Comando provinciale di Roma per un crac da 30 milioni di euro con l’accusa di bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale. Sono stati sequestrati beni per 7 milioni di euro, compresa la residenza della famiglia Rizzoli ai Parioli (21 vani – sottolinea un comunicato della Guardia di Finanza), la tenuta «cà de dogi», diversi terreni a Capalbio e alcune quote societarie. A coordinare l’inchiesta della Procura di Roma, è il procuratore aggiunto Nello Rossi coadiuvato dai sostituti procuratori Francesco Ciardi e Giorgio Orano.