Home Organismi Le banche continuano a finanziare gli Stati ma non le imprese

Le banche continuano a finanziare gli Stati ma non le imprese

Condividi

Nel mese di ottobre, l’offerta di credito bancario ai governi e’ salita dell’8,8% su base annua (8,2% a settembre): di cui +2,9% (+1,6% a settembre) sotto forma di prestiti bancari e +12,3% (+12,2% a settembre) sotto forma di sottoscrizione di titoli del debito pubblico. Tutt’altra musica per l’offerta di credito al settore privato, dove per i prestiti bancari si registra una contrazione pari a -0,7% (-0,9% a settembre). In particolare, complici la bassa domanda e i maggiori vincoli introdotti dalle banche nell’accesso al credito, i prestiti alle imprese segnano una contrazione pari a -1,8% su base annua (-1,5% a settembre). In retromarcia tutte le tipologie di prestiti alle imprese: quelli fino a 12 mesi, tipici per finanziare il capitale circolante, registrano una contrazione pari a -2% su base annua (-2% anche a settembre), quelli da 12 a 60 mesi, piu’ legati agli investimenti, passano da -4,1% di settembre a -4,4%. Quelli sopra i cinque anni, anch’essi legati a investimenti e rifinanziamenti del debito in essere, registrano una flessione pari a -0,8% (-0,4% a settembre).