Home Organismi Tremonti, le 100 voci del redditometro sono di Monti

Tremonti, le 100 voci del redditometro sono di Monti

Condividi

Il meccanismo delle 100 voci di spesa su cui poggia il redditometro e che «Monti ha definito recentemente bomba a orologeria ha preso la sua forma giuridica con il Dm del 24 dicembre 2012, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il 4 gennaio 2013: era la vigilia di Natale e il governo era già dimissionario». Lo ricorda Giulio Tremonti, con una lettera sul Corriere della Sera: «Nessuna bomba a orologeria lasciata dal vecchio governo. Monti è il Pietro Micca di se stesso!». La legge del 2010 che aggiornava il redditometro «non era direttamente operativa: le 100 voci non c’erano nel 2010, 2011, 2012. sono apparse solo il 4 gennaio 2013».