Home Organismi Niente forniture, la Selmat ferma ancora la Fiat

Niente forniture, la Selmat ferma ancora la Fiat

Condividi
Le Officine Maserati di Grugliasco hanno dovuto sospendere la produzione a causa della mancanza di forniture del Gruppo Selmat. Per lo stesso motivo si sono fermata la Fiat Automobiles in Serbia, lo stabilimento di Tychy, l’Iveco di Madrid e Valladolid. Il Lingotto parla di «gravissimi danni al Gruppo Fiat e agli altri fornitori» con migliaia di lavoratori rimasti a casa. La vicenda Selmat va avanti da tempo, ma si è aggravata da un paio di settimane, da quando cioè l’azienda ha messo in cassa integrazione 80 dipendenti dello stabilimento di Airasca, nel torinese. A provocare lo scontro – secondo le indiscrezioni che circolano a Torino – ci sarebbe da parte della Selmat la richiesta di un incremento del prezzo dei componenti e di nuove forniture, mentre la Fiat lamenta il mancato rispetto degli impegni contrattuali sia sul fronte della qualità sia su quello della logistica. Enzo Maccherrone, numero uno della Selmat, è stato ascoltato in Procura dopo la denuncia della Fiat per la mancata fornitura di componenti.