Home Organismi Licenziamenti nelle banche spagnole

Licenziamenti nelle banche spagnole

Condividi

La quarta banca più grande della Spagna, Bankia, ha annunciato la chiusura di circa 1.100 filiali come parte del suo piano di ristrutturazione. La ristrutturazione è necessaria per ottenere da parte dell’Unione europea (Ue) di 37 miliardi di euro di aiuti. Bankia trasferirà anche 57,2 miliardi di euro ad una ‘bad bank’, creata per detenere i titoli tossici che hanno determinato il crollo del mercato immobiliare spagnolo e hanno visto il licenziamento di 6.000 lavoratori. Il numero dei dipendenti di Bankia scenderà da 20.589 a circa 14.500 lavoratori, mentre resteranno circa 2.000 sportelli rispetto agli attuali 3.117. Il presidente di Bankia Ignacio Goirigolzarri ha detto che questi cambiamenti sono necessari al fine di garantire l’operatività. «I licenziamenti saranno meno di 6.000», ha sottolineato.