Home Organismi Eni resiste sui listini dopo lo scandalo Saipem

Eni resiste sui listini dopo lo scandalo Saipem

Condividi
Partenza senza contraccolpi in Piazza Affari per Eni dopo gli sviluppi dell’inchiesta milanese per corruzione internazionale in Algeria su Saipem che ha portato a indagare anche l’ad del colosso del cane a sei zampe, Paolo Scaroni, con altri sette dirigenti del gruppo: il titolo Eni, che ha aperto leggermente negativo, dopo circa mezz’ora di scambi sale dello 0,4% a 17,4 euro, mentre scivola Saipem (-3% a 21,1 euro), il peggiore tra i titoli a elevata capitalizzazione della Borsa milanese.