Home Organismi Enel costretta a vendere per il flop della Spagna

Enel costretta a vendere per il flop della Spagna

Condividi

L’Enel realizzerà entro il 2014 un piano di cessioni da circa 6 miliardi di euro. Lo ha sottolineato l’amministratore delegato Fulvio Conti presentando i risultati del 2012 e il piano industriale 2013-17, che prevede un “rafforzamento della struttura patrimoniale, anche attraverso un piano di cessioni per circa 6 miliardi ed emissione di strumenti ibridi per circa 5 miliardi”. Enel chiude il 2012 con un utile netto di 865 milioni (-79% rispetto ai 4,1 mld del 2011) su cui pesa soprattutto la svalutazione, per oltre 2,5 miliardi, delle attivita’ di Endesa Iberia. I ricavi sono ammontati a 84,9 miliardi (+6,8%), mentre e’ diminuito del 3,8% l’indebitamento netto, arrivato a 42,9 miliardi di euro. L’utile ordinario di Enel nel 2012 e’ sceso del 14,9% a 3,45 miliardi di euro.