Home Organismi Capitali italiani in fuga all’estero

Capitali italiani in fuga all’estero

Condividi

Tra la fine di novembre del 2012 e il 9 di gennaio del 2013 i rendimenti sui bond tripla A sono rimasti vicini ai loro minimi storici, con un lievissimo rialzo di circa 10 punti attorno all’1,8%, mentre nell’Eurozona il sentiment è stato influenzato negativamente da revisioni al ribasso delle stime di crescita e in Italia «la maggiore incertezza politica» ha portato a un certo deflusso di capitali verso paesi con tripla A. È quanto rileva la Bce nel bollettino mensile in cui sottolinea comunque come abbiano invece contribuito positivamente altri fattori, come la decisione di creare un unico regolatore bancario sotto la guida della Bce e la finalizzazione dell’accordo con la Grecia.