Home Federazioni Unimpresa Agricoltura. Ferrara, bene pacchetto Ismea, adesso servono politiche mirate per favorire...

Unimpresa Agricoltura. Ferrara, bene pacchetto Ismea, adesso servono politiche mirate per favorire il ricambio generazionale

Condividi
emilio-ferrara

emilio-ferrara«Gli strumenti messi a punto da Ismea e presentati ieri dal ministero per le Politiche Agricole rappresentano un segnale importante di interesse per la soluzione dei problemi che oggi vivono le imprese agricole condotte da giovani imprenditori».
Ad affermarlo è Emilio Ferrara, segretario generale di Unimpresa Agricoltura.
«Si tratta di un pacchetto di servizi pensati per favorire la nascita di imprese agricole, il ricambio generazionale, l’espansione della dimensione aziendale – spiega Ferrara – Il pacchetto, che si rivolge a giovani imprenditori con meno di 40 anni, si compone di sei strumenti, di cui due nuovi: il Fondo capitale di rischio, cioè un fondo (di circa 50 mln di euro) per supportare la capitalizzazione e l’espansione delle pmi, attraverso il quale Ismea diventa socio di minoranza in imprese agricole organizzate in spa o srl; il Fondo di credito per ridurre il costo dei finanziamenti bancari (in attesa del decreto attuativo). Reinserito, inoltre, il regime di primo insediamento dei giovani agricoltori, che permette di acquistare terreni agricoli, anche pubblici, a un tasso agevolato e bloccato. Allargato a tutta Italia il sostegno al subentro nella conduzione di aziende in cui avvenga il ricambio generazionale. Previste, infine, garanzie per l’accesso al credito agrario e incentivi per stipulare polizze assicurative per le avversità atmosferiche».
Per il segretario generale di Unimpresa Agricoltura «adesso occorre fare di più, investire in attività di accompagnamento alla progettazione, in filiere corte di accesso al credito gestiti con i confidi e, soprattutto, sul fronte del credito bisogna tornare ad un regime di credito agrario differenziato, la cui scomparsa è stata un grave danno per il settore».