Home Comunicati stampa Sport: Unimpresa, il made in Italy perno del calcio in Cina

Sport: Unimpresa, il made in Italy perno del calcio in Cina

Il know how italiano per far crescere il calcio in Cina, dove il made in Italy può diventare un perno dello sviluppo dello sport più popolare al Mondo. Questo l’obiettivo della presenza tricolore, nel Padiglione Italia, al China World Football Expo di Pechino. La missione di Unimpresa si è svolta dal 30 novembre al 2 dicembre scorso e la delegazione italiana è stata guidata dal segretario generale di Unimpresa, Laura Mazza, e dal presidente della Federazione Unimpresa Sport e Tempo Libero, Marco Massarenti. Tutti raggiunti gli obiettivi dell’iniziativa: garantire la presenza delle imprese legate a Unimpresa e gettare le basi per una presenza costante sul territorio della Repubblica Popolare Cinese anche attraverso accordi commerciali ed intese interistituzionali.

Grazie a una consolidata rete di rapporti istituzionali e privati oltre che a una forte esperienza maturata nell’ambito della progettualità internazionale per la Cina, Unimpresa ha dunque coordinato la missione al China World Football Expo di Pechino: per tre giorni, le imprese italiane hanno illustrato le loro attività e prodotti in uno spazio dedicato del Padiglione Italia.

“Il mercato cinese dello sport rappresenta una vera ghiottoneria per l’industria italiana diretta o collegata, anche in considerazione dei cambiamenti di rotta del mondo politico ed istituzionale all’interno della grande muraglia” dichiara il segretario generale di Unimpresa, Laura Mazza.

“L’implementazione della riforma del calcio è per il governo cinese un aspetto fondamentale per la creazione di una potenza mondiale nello sport; come anche il grande influsso dell’esperienza internazionale nel mondo del calcio” osserva il presidente della Federazione Unimpresa Sport e Tempo Libero, Marco Massarenti.

Alla missione hanno partecipato le società Outline di Brescia, Akesios di Parma, Datlos di Milano, Ti.traduce di, la farmacia dr. Ranieri Limonta di Monza Brianza, The Hub Company di Milano, Fco Consulting di Fiumicino (Roma), lo studio legale Angelisanti Polini di Roma.