Home Organismi Saldi, la denuncia del Codacons: 1 commerciante su 5 gonfia il prezzo...

Saldi, la denuncia del Codacons: 1 commerciante su 5 gonfia il prezzo vecchio

Condividi

Il Codacons mette in guardia i consumatori: dove non sono cominciati i saldi è opportuno verificare prima i prezzi applicati perchè «stando alle verifiche effettuate a campione dall’associazione di consumatori lo scorso anno, un commerciante su 5, in occasione dei saldi, ‘barà sul prezzo vecchio, in modo da gonfiare artificiosamente la percentuale di sconto ed invogliare maggiormente all’acquisto». Per il Codacons è «un malcostume molto diffuso che si può aggirare andando prima della partenza dei saldi a verificare i prezzi effettivamente praticati». Il Codacons invita poi i consumatori a «valutare la convenienza non osservando la percentuale di sconto ma il prezzo che si deve realmente pagare. Infine, per aggirare l’imbroglio, è bene diffidare di percentuali di sconto superiori al 50%. Un commerciante non può avere, infatti, salvo nell’alta moda, ricarichi così alti». Il Codacons ricorda infine che le famiglie spenderanno per i saldi una media di 224 euro e che si stima una riduzione media degli acquisti pari al 15% rispetto all’anno scorso