Home Organismi La Bce: “Mai più casi Cipro, subito l’unione bancaria”

La Bce: “Mai più casi Cipro, subito l’unione bancaria”

Condividi

Per evitare il ripetersi di casi come quello cipriota, occorre creare al più presto un meccanismo unico di risoluzione delle banche. È questa una delle lezioni che si possono trarre dalla crisi a Cipro, secondo quanto ribadito in un’audizione davanti alla commissione Econ dell’Europarlamento da Joerg Asmussen, membro del board della Bce. Solo istituendo «il più rapidamente possibile un’unione bancaria – ha sottolineato – saremo in grado di spezzare l’interazione negativa tra i debiti sovrani ed i loro sistemi bancari». Il caso cipriota, ha ricordato Asmussen, «ha dimostrato che un’entrata in vigore ed un’attuazione rapida del meccanismo di supervisione unica è essenziale», perchè questo contribuirà ad «assicurare un sistema finanziario più resistente e affidabile, un sistema finanziario in grado di contribuire alla crescita sostenibile». In secondo luogo, la crisi a Cipro, ha detto ancora il rappresentante della Banca centrale europea, «ha dimostrato che abbiamo urgentemente bisogno di un contesto europeo per la risoluzione delle istituzioni finanziarie». Infine, è emersa «la pressante necessità di istituire un meccanismo unico di risoluzione – ha concluso Asmussen – pilastro fondamentale dell’unione bancaria e complemento necessario della supervisione unica», e che dovrebbe avere «a sua disposizione un fondo europeo di risoluzione».