Home Comunicati stampa IMPRESE: UNIMPRESA INCONTRA FORZA ITALIA, SUL TAVOLO PROBLEMI PMI

IMPRESE: UNIMPRESA INCONTRA FORZA ITALIA, SUL TAVOLO PROBLEMI PMI

Il presidente di Unimpresa, Giovanna Ferrara, accompagnata dal presidente onorario Paolo Longobardi e dal responsabile rapporti istituzionali, Andrea D’Angelo, è stata ricevuta dall’ufficio di presidenza del gruppo di Forza Italia al Senato, guidato dalla presidente Anna Maria Bernini.

La presidente Ferrara ha presentato Unimpresa, che rappresenta più di centomila micro, piccole e medie imprese, diffuse in modo capillare su tutto il territorio nazionale. Le piccole e medie imprese italiane – ha spiegato il presidente onorario Paolo Longobardi – soffrono in modo particolare la difficoltà di accesso al credito, anche a causa della crisi che hanno vissuto le banche territoriali. Per non parlare dell’eccessivo carico fiscale, che supera il 60% del fatturato se alla tassazione nazionale si aggiunge quella locale, e degli ostacoli rappresentati dalla eccessiva burocrazia. Gli imprenditori si sentono vessati dallo Stato e dalle amministrazioni locali, ha denunciato Giovanna Ferrara, che ha segnalato come le piccole imprese debbano aspettare anche anni prima di poter avere liquidato un finanziamento europeo. C’è poi il problema della rete infrastrutturale obsoleta – ha evidenziato Andrea D’Angelo – che rappresenta un enorme ostacolo all’internazionalizzazione delle nostre imprese: “per essi, esportare, aprirsi a nuovi scenari, risulta letteralmente proibitivo, inaccessibile, se non addirittura utopico”. Particolare attenzione dai rappresentanti di Unimpresa è stata data anche alla formazione professionale: “mancano operai specializzati – ha raccontato la presidente Ferrara – per questo abbiamo deciso di aprire una scuola di formazione per mestieri legati all’alto artigianato”. Infine il presidente onorario Longobardi ha denunciato gli ostacoli che spesso impediscono a Unimpresa di partecipare ad alcuni bandi regionali, perché riservati alle associazioni facenti parte del CNEL, o la difficoltà ad essere regolarmente auditi dalle commissioni parlamentari.

La presidente Bernini ha illustrato tutte le iniziative legislative di Forza Italia: dalla flat tax al 23% con 12 mila euro di no tax area, unica proposta davvero realizzabile di tassa unica, alla volontà di reintrodurre i voucher, dalla richiesta al governo di rivedere le vigenti disposizioni antielusive al fine di disciplinare il regime dell’onere della prova, ponendola sempre a carico dell’amministrazione finanziaria, sino alla proposta di non applicare la direttiva Bolkestein per balneari ed ambulanti. Purtroppo – ha evidenziato la presidente del gruppo di Forza Italia al Senato – non sempre la Lega ha sostenuto le nostre proposte, facendosi condizionare dal M5S, che ha una concezione di governo statalista, nemica delle imprese. L’intero ufficio di presidenza di Foza Italia ha garantito massima attenzione alle richieste delle piccole e medie imprese italiane: “questa è casa vostra” ha sottolineato la presidente Bernini, Forza Italia vuole continuare ad essere l’avvocato difensore del Paese che investe, produce e crea lavoro.