Home Organismi I piccoli comuni della Toscana contro Imu, Tares e spending review

I piccoli comuni della Toscana contro Imu, Tares e spending review

Condividi
Parte stamattina alle 10 da Londa (Firenze) la mobilitazione Anci e Uncem Toscana, che durerà 10 giorni e culminerà con una maratona web, per denunciare il critico scenario determinato da Patto di stabilità, Tares, Imu e Spending review. Il sindaco di Londa Aleandro Murras insieme alla sua giunta si incatenerà di fronte al cantiere della scuola del paese per protestare contro il patto di stabilità. La scuola di Londa, completamente ristrutturata, dopo 8 anni di sofferenze, è finalmente pronta, mancano solo piccoli ritocchi, ma non è detto che dal prossimo anno scolastico i ragazzi vi possano rientrare, a causa del patto di stabilità imposto ai Comuni. L’obiettivo della manifestazione, spiega una nota, «è far vedere e toccare con mano ai cittadini, ai mass-media un esempio concreto di quanto sia assurdo e dannoso mantenere il Patto di Stabilità e chiederne al Governo e al Parlamento il superamento o l’allentamento e togliendo dal patto le spese necessarie alla messa in sicurezza e agli adeguamenti antisismici degli edifici scolastici». La ‘maratona web’ sarà presieduta da Oreste Giurlani, presidente di Uncem Toscana e da Marco Semplici, della Consulta Piccoli Comuni di Anci Toscana, e vedrà alternarsi interventi di amministratori locali, esponenti del mondo sindacale e delle associazioni di categoria.