Spread in calo a 305 punti

Lo spread tra BTp e Bund si restringe sensibilmente in avvio di seduta dopo l’accordo sul salvataggio di Cipro. Nelle prime battute il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark italiano (Isin IT0004848831) e il pari scadenza tedesco si attesta a 305 punti base, in calo di 9 centesimi rispetto alla chiusura di ieri.…

In Spagna crolla del 44% in borsa Bankia

Crollo in Borsa del gruppo spagnolo Bankia. A Madrid le azioni scivolano del 44% avvicinandosi alla quota di 0,01 euro stabilito dal fondo di ristrutturazione Frob che ha tagliato l’attuale valore nominale di 2 euro. Una decisione che diluirà ulteriormente i 400.000 azionisti del gruppo nella prossima conversione dei bond sottoscritti dal Frob con i…

Renzi raccoglie i cocci di Richard Ginori

«Credo che la Richard Ginori sia un pezzo fondamentale dell’economia di questo territorio, da salvare». Lo ha detto il sindaco di Firenze Matteo Renzi, ospite di Radio Toscana, che ha lanciato un appello per salvare l’azienda di Sesto Fiorentino. «Sono molto ottimista – ha spiegato – che pur nella difficoltà del momento si possa incoraggiare…

Cipro cerca una soluzione, la Germania non si fida

La proposta di Cipro di creare un fondo di solidarietà, ancora dai contorni non ben definiti, «non va nella giusta direzione». Il Paese «sta giocando col fuoco», ha affermato Volker Kauder, capo del gruppo parlamentare della Cdu/Csu al Bundestag, il partito della cancelliera Angela Merkel. Kauder ha aggiunto che gli europei non vogliono comunque che…

Crolla la stima del pil di Confcommercio

Quest’anno il calo del prodotto interno lordo italiano sarà peggiore delle ultime recenti previsioni: è quanto stima la Confcommercio, che per il 2013 prevede un taglio dell’1,7% contro un ribasso dello 0,8% indicato cinque mesi fa. Timide speranze per il 2014, anno per il quale la previsione è di un rialzo dell’1% netto.

I Benetton si sfilano da Rcs: non parteciperanno all’aumento di capital

La famiglia Benetton, azionista con il 5,1% di Rcs MediaGroup tramite Edizioni, sembra intenzionata a non sottoscrivere l’aumento di capitale della società, e nell’ambito dell’operazione si diluirà. È quanto si apprende da fonti finanziarie a conferma di notizie di stampa al riguardo. La decisione sarebbe legata ad alcune perplessità sull’efficacia del piano di rilancio della…