Home Organismi Il viceministro Casero alza la posta: a settembre meno tasse sul lavoro

Il viceministro Casero alza la posta: a settembre meno tasse sul lavoro

Condividi

«Al massimo entro settembre, il governo interverrà sul costo del lavoro. E lo farà partendo dai giovani. Stiamo tutti lavorando per trovare le risorse. Abbiamo un piano condiviso e dettagliato: abbasseremo ancora le tasse alle imprese, ma diminuiremo anche quelle che svuotano la busta paga. La filosofia è chiara: vogliamo dare ai giovani più soldi da spendere per far ripartire l’economia e dare fiato ai loro progetti…». Luigi Casero, viceministro dell’Economia del Pdl, in una intervista ad «Avvenire» lancia la sfida sulle imposte che gravano sulle imprese e sui lavoratori. «Ogni settore di questo ministero sta sezionando voce per voce le spese della pubblica amministrazione. I margini di intervento sono enormi. I costi standard possono creare risparmi veri. Poi, abbiamo riaperto il dossier delle vendite del patrimonio immobiliare. C’è il capitolo degli sprechi e c’è quello delle municipalizzate. Stiamo lavorando a 360 gradi, stiamo incitando le amministrazioni a rinegoziare i contratti d’affitto, o a trasferirsi in sedi di proprietà non utilizzate». «La prima casa -conferma il vice ministro all’Economia- non sarà tassata, è un fattore di equità a favore delle famiglie, e dunque di crescita. Io, Fassina e Saccomanni siamo decisi a trovare le coperture senza alterare i conti pubblici e dando per acquisito il fatto che gli immobili di lusso continueranno a pagare».