Home Organismi Borse europee piatte

Borse europee piatte

Condividi

Indici di borsa poco mossi in Europa dopo il rallentamento del Pil trimestrale di Francia, in recessione, e Germania, cresciuta al di sotto delle stime degli analisti. Londra è stabile, a differenza di Parigi (-0,07%). Madrid (-0,28%) e Milano (-0,49%), mentre resiste in territorio positivo Berlino (+0,1%). Negativi i futures su Wall Street, in attesa di una serie di dati Usa, tra cui la manifattura dello Stato di New York e la produzione industriale nazionale in aprile. Frenano le banche e le materie prime, mentre tiene il comparto assicurativo e sono contrastati i titoli dei costruttori di auto. In particolare le vendite colpiscono Bmw (-2,81%), ma non Fiat (+2,11%), Pirelli (+1,44%) e Renault (+1,23%), favorita da un accordo della controllata Nissan con Gm per la fornitura di veicoli commerciali. In campo bancario frenano Bper (-2,43%), Mediobanca (-1,26%) e SocGen (-0,95%) a differenza di Credit Agricole (+1,11%), favorita dal rialzo della raccomandazione ad ‘overweight’ (acquistare oltre il peso sul listino di borsa) da parte di JpMorgan. Bene Mps (+1,89%), il cui rosso trimestrale di 100 milioni di euro è risultato inferiore alle stime degli analisti. Scivolano gli estrattivo-minerari Randgold (-1,84%), Salzgitter (-1,01%) e Glencore (-0,97%), mentre guadagnano terreno gli assicurativi Prudential (+0,77%) e Swiss Re (+0,54%) a differenza di Generali (-0,62%).